“Forza, andiamo! Avanti!”

“Ehi, secondino, la conosco la strada, non spingere

SBAM!

La porta si è chiusa anche oggi, odio quel rumore. Quando sento sbattere quel cancello, quella porta ferrosa, mi viene da spaccare tutto. Spaccare cosa poi? Le due cose che stanno qui in cella? Vabbè, va… Mi butto sul letto.

Che brutta giornata.
Maledetta, odiosa giornata. Il letto è troppo duro. Sono stanco di queste pareti. Inizia a fare caldo e qui non si respira.

Vorrei avere qualcosa da fare, il tempo qui non passa mai; e vorrei non pensare tutti giorni al passato, a quello che ho fatto. Diamine! L’ho capito cosa ho fatto! Tutti giorni questa voce me lo ripete, continua a ripetermi le stesse parole… “Hai sbagliato”, “Non dovevi farlo“, “Devi pagare”… Basta!

E i secondini… Li sento ridere e ammiccare tra di loro. Sogghignano e indicano questa cella, bisbigliano, ridacchiano e continuano a indicarmi. Anche senza parlare me lo dicono. Lo capisco da come mi guardano.

Quello sguardo supponente… Quando aprono le sbarre per fare uscire il cane, questo povero cane che fa pena e schifo allo stesso tempo. Povero cane… Cattivo cane… Sporco cane… Lo so che lo pensano.
Siete dei maledetti!
Maledetti…
Male…
Questo cuscino è morbido, mi rilassa quando ci appoggio la testa… Non riesco più a tenere gli occhi aperti… Li chiudo un po’… sì, ecco, così… solo un po’…

Vedo davanti a me… Ѐ tutto offuscato, luci, ombre… un cane abbaia, ma lo sento in lontananza, è tutto ovattato.

La cella non è chiusa! La conosco bene quella cancellata, sono anni che mi ci appoggio, tutti i giorni, le sbarre sono serrate, sembrerebbe perfettamente chiusa, ma non è così. Quando girano la chiave per chiuderla c’è un punto, una fessura strettissima dove passa la luce; e quella fessura ora è scura, non ci vedo attraverso.

Devo provare a spingerla. Devo farlo ora. L’ho sempre sognato; appoggiarmi a quella porta e trovarla aperta, attraversarla e fuggire… Mi sto per alzare… Mi sudano le mani, tremo… Mi reggo a fatica sulle gambe… Sono in piedi. Mi avvicino.

Non sembrava così lontana… Sono qui. Eccola. Appoggio le mani sul freddo metallo. Ho paura a spingere… Se spingessi e trovassi resistenza… Se mi fossi sbagliato e le sbarre fossero chiuse… Torno a dormire… NO! Ora spingo, sì lo faccio! Sì! Si apre!

La porta è aperta, sono fuori!

L’uscita è a sinistra, ma qui a destra a qualche metro da me c’è un secondino di spalle, da solo. Sembra che non si sia accorto di nulla. C’è una pistola per terra… Qui ai miei piedi…

Alla mia sinistra la luce, la libertà
A destra la mia rivincita, potrei prendere la pistola e…

SINISTRA, DESTRA…
>>Libertà o rivincita?<<
Scrivetelo nei commenti.

Verrà scelto uno dei commenti e pubblicato sul nostro sito www.aurorae.it come parte integrante della storia.
Lavorate di fantasia e scrivete! Scrivete! Non c’è limite di parole.

3 Commenti

  1. Anonimo

    Non devi scappare neanche
    usare l’arma allungheresti solo i tuoi giorni in quel posto rifletti torna dentro e calma buona giornata

    Rispondi
    • Caterina Scarfato

      Ma si …prendo la pistola potrebbe servirmi …le mani sudate mi creano difficolta’ nella presa …pensieri convulsi affollano la mente …non c’ e’ tempo x pensare bisogna agire …ho sognato da troppo tempo questo momento non posso lasciarmelo scappare …qualche dubbio affiora…com’e’ possibile che si siano dimenticati di chiudere la cella? Magari e’ un trucco x farmi cascare in un tranello …ora non sono solo le mani a sudare …dalla fronte cadono gocce come pioggia …l’ euforia del momento e’ mitigata dal dubbio lacerante e dalla paura …qualcuno si avvicina odo dei passi …ritorno furtivamente nella mia cella ma prima mi sbarazzo velocemente della pistola …accosto le sbarre e mi rimetto a letto facendo finta di dormire …il cambio della guardia sta x avvenire …odo il rumore di una chiave nella serratura e qualcuno discutere animatamente …non si capisce bene …parole concitate dette con rabbia …qualcuno cerca delle scuse …si sono accorti dell’ errore …un urlo nella notte mi riporta alla realta’…e in un bagno di sudore …ho solo sognato …sognato la liberta’…quella cosa che dovrebbe essere un diritto di tutti ma molti di noi ce la giochiamo con la sorte restando fregati …domani il sole prendera’ il posto delle stelle in un rito perpetuo e io iniziero’ la mia giornata pensando a quella vita che mi aspetta oltre la gabbia che mi trattiene e che non posso vivere xche’ gli sbagli bisogna pagarli e tutti i sogni finiscono all’ alba …ho assaporato x un attimo il sapore della liberta’ …quella meravigliosa voglia di aprire le ali e lasciarsi il buio della notte alle spalle …mi resta la speranza che quel giorno possa nascere anche x me …iniziero’ da oggi a coltivare con pazienza come una piantina appena nata la mia speranza affinche’ diventi un albero.

      Rispondi
    • Graziella Marangon

      Meglio non rischiare.mi rimetto a letto e quel che verrà lo soportero’aggiungerei sciocchezza su sciocchezza forse alla fine uscirò per buona condotta.intanto chiedero’ di fare qualche lavoro mi aiuterà a non pensare!

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continua tu la storia – il prigioniero (con finale)

Non c'è tempo per pensare. Una decisione è stata presa... Verrà svelato cosa sta per succedere. Il continuo della storia...

Continua tu la storia – l’email
Continua tu la storia

Buon giorno, lo dico a me stesso. Nessuno è a casa. Nessuno a parte me. Mi preparo il caffè, amaro. Read more

Star Wars – 1977: Un pomeriggio al cinema
Star Wars 1977

1977 - “Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…” Sono eccitato mentre acquisto il biglietto per entrare in sala Read more

Continua tu la storia – l’email (con finale)
Continua tu la storia (con finale)

Viene svelata l'email che nel post precedente stava per essere letta... Una brutta notizia che arriva dal fratello della ex Read more